home page

la favola

la storia

l'azienda

il mercato

la pesca

la capitale

l'amore

il museo

la produzione

Basilio Liverino

La Storia

 

"La storia stessa della nostra famiglia" dice Basilio Liverino, 77 anni, idee e carisma da vendere "ci porta a privilegiare la concretezza del lavoro rispetto alla retorica delle celebrazioni".
Di storia si parla spesso nella moderna sede della Liverino, circondata da pini marittimi e sovrastata dal Vesuvio; e bisogna ripercorrerne le tappe fondamentali per capire la realtà di quest'azienda centenaria e immaginarne il futuro possibile.
Uno dei figli del fondatore introdusse la lavorazione dei cammei e quella del corallo asiatico, importato dal Giappone.
Con lui ebbero inizio le esportazioni (in Svizzera e in Germania) e anche le forniture a importanti gioiellieri italiani, come Bulgari. Quando morì prematuramente, nel 1949, quattro anni prima del padre, l'azienda contava su cinquanta operai, tra interni ed esterni.
foto
"Allora c'era la settimana lunga" ricorda Basilio Liverino "e il lavoro veniva interrotto solo alle due del pomeriggio della domenica, quando l'ultimo cammeista e l'ultimo orefice avevano consegnato i loro pezzi, per riprendere il lunedì mattina.
" Il giovane Basilio prese le redini dell'azienda paterna e la gestì insieme con i tre fratelli. La collaborazione con Giuseppe, Roberto e Vittorio (il primo e il terzo ancora attivi nel settore, a Firenze e a Torre del Greco) s'interruppe agli inizi degli anni settanta.
Basilio proseguì da solo nell'ampliamento dell'attività, della produzione e dei mercati, consolidando definitivamente il prestigio della società anche con importanti iniziative culturali.